Glossario dei termini giapponesi

GLOSSARIO DEI TERMINI GIAPPONESI

Akadama

Argilla di origine vulcanica, estratta alla profondità di tre metri viene raccolta e trattata e lavorata fino a che si presenta in grani di diversa granulometria. Molto apprezzata come terriccio per bonsai, ha rispetto alla “concorrente” pomice, la capacità di assorbire un maggior quantitativo di acqua e di rilasciarla i maniera più costante durante la giornata. Ha un PH neutro.

Aka-Matsu

Pino rosso Giapponese (Pinus densiflora).

Aki-nire

Olmo cinese (Zelkova).
Bonsai

Chojubai

Cotogno da fiore giapponese (Chaenomeles).

Daiza

Base solitamente in legno che rappresenta la base all’interno della quale è collocato il suiseki. si tratta di una base personalizzata per ciascun Suiseki e intagliata, levigata appositamente per ciascun suiseki.

Eda

Letteralmente Ramo.

Ezo-Matsu

Abete di Ezo (Picea Ezoensis). “Ezo” è il nome antico dell’isola di Hokkaido.

Gojo-Matsu

Pino a 5 aghi (Pinus Parviflora e Pentaphylla).

Hanagokoro

concime organico a lenta cessione N-P-K: 5-5-2.

Kanuma

Terriccio a componente argillosa si presenta in granuli come l’akadama ma di un colore più giallo. E’ dotata di un PH leggeremente acido che la rende utilizzabile per piante acidofile come le azalee ed in piccole percentuali anche per piante come sughere e aceri che gradiscono una leggera acidità nel terreno. deve il suo nome all’omonima città Giapponese della prefettura di Tochigi.

Kaede

Termine giapponese che identifica l’acero tridente (Acer Buergerianum). Deriva da “Kaeru-de” (mano di rospo) per la forma delle sue foglie.

Keto-tsuchi

Torba nera per stile Ishitsuki o usata nello stile boschetto per delimitare l’esterno della composizione.

Kifu Bonsai

Bonsai di dimensione compresa tra i 20 ed i 35 cm.

Kuromatsu

Termine che indica il Pino Nero giapponese (Pinus Thunbergii).

Kusamono

Bonsai di erbacea. Il Kusamono si usa esporre, a differenza dello shitakusa (vedi sotto) che funge sempre da accompagnamento al bonsai, come principale elemento del tokonoma.

Mame

Bonsai che può raggiungere e non superare i 7 cm.

Metsumi

Pinzatura dei germogli teneri con la punta delle dita o delle pinzette. L´obiettivo è quello di favorire la crescita dei germogli deboli e contemporaneamente contenere la dimensione delle foglie e degli internodi.

Miki

letteralmente Tronco.

Misho

Bonsai coltivato da seme

Momiji

Acero Palmato. Anche Yamamomiji (Acer palmatum var.matsumurae – Acero di montagna).

Mini bonsai

Categoria di bonsai dalle dimensioni comprese tra i 7cm e i 10 cm.

Mochicomi

o Mochikomi Insieme di cure quotidiane mirate al conferimento della maturità e vetustà al bonsai.

Neagari

Letteralmente Radici esposte. Termine che sta ad indicare lo stile a radci esposte.

Nebari

Letteralmente Radici. Termine giapponese per indicare la base di radici o Piede: costituisce la prima parte della pianta che fuoriesce dal terreno e che le permette di ancorarsi ad esso. Una delle caratteristiche principali di ciascun bonsai, deve presentare radici non incrociate e disposte a raggiera. L’uso di un vaso basso consente un suo sviluppo superficiale e radiale.

Sakura

Ciliegio anche Fuji-Sakura (Ciliegio da fiore).

Shinpaku

Ginepro a scaglie (tipicamente il Chinensis).

Shitakusa

Erba di accompagnamento.

Shohin o Shoin

Categoria di bonsai dalle dimensioni comprese tra i 10cm e i 20 cm.

Soro

Carpino giapponese.

Suiban

Vassoio basso senza foro di drenaggio usato per esporre i suiseki. Il Suiseki risulta comunemente adagiato su di un sottile strato di sabbia collocata nell’incavo del vassoio stesso.

Tachiagari

Si tratta della prima parte del tronco appena terminato, salendo verso l’alto, il nebari. Deve, assieme al resto del tronco, essere conico e restringersi salendo verso l’alto per dare senso di triangolarità e vetustà alla pianta.

Tosho

Ginepro ad aghi (tipicamente il Communis o il Rigida).

Tokonoma

Spazio rientrato nei salotti giapponesi usato anche come tipico spazio espositivo per bonsai e suiseki.

Ume

Albicocco giapponese (prunus mume).

Yamadori

E’ un bonsai o pianta raccolta in natura. Letteralmente il termine giapponese significa “trovato in montagna” o meglio”raccolto in montagna” dove Yama sta ad indicare la montagna.